Inaugurata la Chirurgia Pediatrica un passo importante verso un Polo Completo

LECCE – Già attivo da qualche giorno, oggi è stato inaugurato il reparto di Chirurgia Pediatrica presso il “Vito Fazzi” di Lecce. Si tratta di un passo importante verso la creazione del polo pediatrico dell’ospedale, obiettivo promosso da tempo dall’associazione “Tria Corda”.

Il nuovo reparto, che si trova al terzo piano, dispone di 15 posti letto che si aggiungono ai 20 di Pediatria, ai 10 di Oncoematologia pediatrica, ai 12 di Neonatologia e ai 4 di Terapia Intensiva Neonatale. Questi ultimi due saranno incrementati fino rispettivamente a sei e a dieci in base al piano di riordino ospedaliero.

Soddisfazione unanime

Al taglio del nastro, oltre al vescovo di Lecce, Michele Seccia, era presente anche il presidente della Regione, Michele Emiliano: “È stata una promessa faticosa e complicata – ha spiegato il governatore – perché abbiamo accorpato qui tutte le energie della provincia per dare a questo hub di secondo livello il massimo delle possibilità di cura immaginabili e naturalmente essere arrivati alla fine di questo percorso, nonostante qualche polemica e molta fatica, ci riempie di gioia”.

Il sindaco della città di Lecce, Carlo Salvemini ha sottolineato l’importanza del risultato raggiunto: “Anni di lavoro appassionato che si costruiscono attraverso un patto di comunità, con lo sforzo comune di istituzioni pubbliche e private e delle persone che hanno collaborato a realizzarlo come instancabili api operaie. La sanità pubblica non è un dato scontato, ma una ricchezza straordinaria, perché consente a tanti di accedervi: un servizio pubblico che si prende cura di te senza nulla chiedere in cambio, un valore da difendere”.

Soddisfatto anche il direttore della Asl, Ottavio Narracci: “Oggi incastoniamo una tessera importante all’interno di un mosaico che ora ha contorni più definiti e che andrà costruito e perfezionato nel tempo, man mano che il completamento del nuovo Dipartimento di Emergenza e Assistenza consentirà di spostare reparti, liberando così gli spazi necessari per ospitare un polo pediatrico che possa essere tale da ogni punto di vista: organizzativo, sanitario e per collocazione logistica”.

Il direttore del reparto, Carlo Rossi, ha ricordato che l’attività “è cresciuta da 670 a 780 interventi chirurgici nell’ultimo anno e con oltre 40 operazioni su neonati affetti da malformazioni congenite. Un risultato, che significa un risparmio per la sanità e un sacrificio in meno per le famiglie, reso possibile grazie al personale di tutte le unità operative della nostra Asl”.

Il ruolo delle associazioni

L’apertura del reparto è stata possibile anche grazie ai contributi privati: “Soprattutto come mamma – ha dichiarato Sara Doris, presidente di Fondazione Mediolanum Onlus – sono particolarmente contenta che con il progetto #stammivicino il sostegno di Fondazione Mediolanum Onlus sia andato anche all’Associazione Tria Corda per la realizzazione del reparto di Chirurgia del Polo pediatrico del Salento, la cui attuazione eviterà così lunghi viaggi della speranza a tante famiglie. La sensazione di contribuire a regalare un futuro più sereno a chi vive un presente difficile è un’emozione che non si può spiegare”

Il presidente dell’associazione Tria Corda, Antonio Aguglia, ha spiegato in cosa è consistito l’apporto dell’associazione: “Abbiamo deciso di acquistare tutti gli arredi del nuovo reparto di Chirurgia Pediatrica di Lecce per dare ai bambini del Salento l’opportunità di trovare vicino casa le risposte alle loro problematiche. Siamo grati alla Fondazione Mediolanum che ha sostenuto da subito il nostro progetto, contribuendo con la donazione di 48mila euro all’acquisto degli arredi del valore totale di 80mila euro. Abbiamo quindi l’opportunità di utilizzare il resto delle somme accantonate nel tempo, attraverso il contributo del 5 per 1000, le raccolte fondi (l’ultima in occasione del concerto del 26 dicembre al Teatro Apollo di Lecce) e il prezioso sostegno di aziende e benefattori, anche ad un altro progetto: creare due posti di Terapia Intensiva Pediatrica, con il relativo acquisto di un monitor multiparametrico, un defibrillatore e la formazione di tutto il personale”.

Quello di Chirurgia Pediatrica, intitolata a “Sergio Rini”, che ne è stato il fondatore e direttore a Casarano, è un reparto disegnato attorno ai bambini e capace di farli sentire, dotato di ludoteca . Don Gianni Mattia, cappellano dell’ospedale e presidente della onlus “Cuore e Mani aperte verso chi soffre” ne ha rimarcato l’importanza: “La ludoteca donata alla Chirurgia Pediatrica -regalerà tanti sorrisi. Garantiremo i servizi di clownterapia nel reparto di chirurgia pediatrica, negli stessi orari in cui lo faremo nella Pediatria. Il mio sogno più grande è alleviare le sofferenze dei bambini. Ogni stanza, ogni suppellettile, ogni particolare dovrà avere il colore dell’ottimismo e dell’allegria”.

Fonte: LeccePrima

Sala Stampa

Video

Foto