A lli malati de ncerte malatie,

ca quasi sempre su’ uagnuni,

cu lli puezzi curare

tie, picchi medicine, nn’à ddare;

mute fiate, l’à ffare sulu ridere e sciucare.

A cquisti, ci quistu nni manca,

te nne bbinchi medicine cu nni dai

fiacchi stiano, fiacchi stanu

e, sempre cchiù fiacchi,

continuanu a stare.

Nnu sciuecu, nnu sorrisu, nna carezza,

ca ggioia porta e mai tristezza

nu ssulu ridere li face

ma, quasi sempre,

nnu picchi mègghiu li face stare.

Cussì, cu ddo medicine,

nnu ridi osce e nnu scioca crai,

de certu, ogne tantu, se potenu

scerrare puru de lli uai.

 

 

Ai malati di certe malattie,

che quasi sempre sono ra<gazzi,

per poterli curare

tu, poche medicine, gli devi dare;

molte volte, li devi solo far ridere e giocare.

A questi, se questo manca,

è inutile medicine dare

male stavano,male stanno

e, sempre più male,

continueranno a stare.

Un gioco, un sorriso, una carezza,

che gioia portano e mai tristezza

non solo li fa ridere

ma, quasi sempre,

un po’ meglio li fa stare.

Così, con poche medicine,

un sorriso oggi e un gioco domani,

di certo, ogni tanto, si potranno

dimenticare pure dei loro guai.

 

                                                                                                             Franco Greco